giovedì 18 luglio 2013

Un Kodak T-Max 400 scaduto nel 1989. Prove generali.

Andare per mercatino con l'intento di tenere bene a mente il motto: "Si guarda e non si tocca" e invece rimanere fulminati davanti ad uno stock intonso di T-Max 400 scaduti nel 1989. Un rischio acquistarli, certamente; ma la tentazione è più forte di ogni cosa, la curiosità si mangia lo stomaco ad abbondanti e succulenti morsi. Non scommetterei mai al gioco, ma l'ho fatto per questo pacco di rullini. Siccome che arrischiarmi a comprarli non mi è bastato, mi sono portata una di queste pellicole in giro, inaugurandola durante un viaggio a Napoli con Marito e scattando qualche foto al matrimonio di una mia carissima amica, ben consapevole del fatto che mi sarei potuta trovare con un bel niente in mano.
La T-Max 400 in questione appartiene alla vecchia guardia, quella con una confezione totalmente diversa rispetto all'attuale e che trovate in questa foto sul mio Instagram.
Temevo che da una pellicola di cui non conoscevo le condizioni di conservazione (pessime, è stata l'impressione a colpo d'occhio) e per di più molto scaduta non uscisse nulla o pochissimo. Invece gli scatti sono usciti tutti e 36, anche se sottoesposti e con una grana accentuata rispetto a quella canonica che un T-Max  a quegli ISO solitamente possiede.
In linea teorica, i prossimi rullini andrebbero sovraesposti di qualche stop per compensare questo deficit, ma sono quasi sicura che ignorerò totalmente questa cosa sia per la mia sbadataggine sia perché i risultati mi soddisfano in questo modo.
La conserverò per quando vorrò ricreare un'ambientazione fosca, piuttosto scura, a tratti anche un po' minacciosa. Trovo che in alcuni scatti la prestazione di questa pellicola sia stata azzeccata: fossero usciti più nitidi e chiari, forse, non avrebbero reso allo stesso modo.
 
 
Napoli


Napoli


Scilla. Mare inclemente.


Un gabbiano a Sorrento.


Il matrimonio di Ely.
 
 
Ancora Scilla. Ancora mare.

Alla prossima zingarata.

4 commenti:

  1. La grana, la grana! Un effetto preciso per descrivere i palazzi di Napoli. Vorrei averla avuta io la tua fortuna, domenica esco e mi giro tutti i mercatini che conosco.
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Era esattamente quello che volevo intendere io quando ho parlato di effetto azzeccato. Spero tu abbia fortuna coi mercatini, a volte rischiare paga!
      A presto!

      Elimina
  2. Sarà che ho sempre avuto un debole per il bianco e nero, ma questi scatti mi piacciono tantissimo!

    RispondiElimina
  3. Fantastiche! Soprattutto la sposina!

    RispondiElimina